Ciao,

L’ARTE COME STRUMENTO DI INCLUSIONE SOCIALE

L’ARTE COME STRUMENTO DI INCLUSIONE SOCIALE

€150
Categoria:
Reviews:

Dettagli sul corso

Prima di avviare il corso ci sarà un’incursione in quelle “situazioni” in cui l’arte – e più ancora l’architettura – diventano strumento per un Welfare State di cultura e qualità, che sappia riqualificare gli spazi di vita e promuovere l’inclusione sociale.

 

Durante il corso gli allievi saranno coinvolti nella progettazione e realizzazione di un evento di “Arte sociale” nell’ambito del Progetto TERRE presso la sede della Grafica Campioli.

 

Descrizione

Di seguito, alcuni degli argomenti trattati nelle lezioni d’aula:

  • L’architettura del cohousing e del social housing
  • Lo spazio pubblico: esempi di progettazione condivisa
  • Barriere architettoniche e turismo sociale
  • La Street Art e la bellezza nei “non luoghi” delle periferie
  • “Robin Hood Garden” alla Biennale di Architettura di Venezia
  • Gibellina e l’architettura della rinascita. Il caso della Fondazione Orestiadi
  • Il caso di Arte Sella e la “natura” dell’arte
  • Io So(g)no: il progetto dell’UNHCR come esempio di fotografia sociale ed inclusione
  • ll Teatro Andromeda in Sicilia: il caso dell’architettore-pastore
  • Renato Nicolini e la prima Estate Romana
  • Visite didattiche incluse nel monte ore del corso:
  • I Murales di Tor Marancia: il Progetto Big City Life e l’attività di “999 Contemporary”
  • La Street Art a Monterotondo Scalo: i Murales di Cikala, Millo e Tellas in via Aldo Moro e alla Torre civica.

 

Visite didattiche incluse nel monte ore del corso:
I Murales di Tor Marancia: il Progetto Big City Life e l’attività di “999 Contemporary”
La Street Art a Monterotondo Scalo: i Murales di Cikala, Millo e Tellas in via Aldo Moro e alla Torre civica.

User registration

You don't have permission to register

Reset Password